La pezzata (P.A.T.) o pecora al cotturo o carne alla pecorara

E' il piatto tipico di Capracotta composto da pezzi di carne di pecora, cotta nel caldaio di rame e servita in umido.

La carne viene tagliata a tocchi più o meno grandi e cotta nel pentolone coperto con le verdure e gli aromi a fuoco molto lento per circa tre ore.

In origine era il piatto consumato dai pastori durante la transumanza.

Si utilizza principalmente la spalla della pecora.

La Pezzata è l'assoluta protagonista della rinomata sagra che si svolge ogni anno la prima domenica di agosto nell'incantevole scenario del pianoro di Prato Gentile a 1600 metri di altitudine s.l.m. .

Ciccioli (cigoli) P.A.T.

I ciccioli sono un prodotto alimentare ottenuto dalla lavorazione del grasso del maiale nella preparazione dello strutto.

Si tratta di pezzetti di grasso irregolare di circa cm 1x1 che derivano dallo strutto chiarificato. Dal grasso intestinale di suino dopo la fusione e la separazione dai residui, si ottengono i ciccioli che vengono salati, pepati e utilizzati per preparare le pizze.

Il periodo di produzione va da dicembre a gennaio.

Magliatelli P.A.T.

I Magliatelli sono un prodotto tipico dell'Alto Molise.

Si tratta di un piatto molto semplice, tipico del periodo della transumanza preparato con budellina di agnello lattante, animelle, uova, formaggio, lardo battuto, prezzemolo, mentuccia e aglio.

Le budelline ben lavate sono avvolte intorno ad un sostegno di intestino più duro e   condite con prezzemolo, uova, aglio e formaggio.

Mappatelle P.A.T.

Le Mappatelle sono un prodotto tipico dell'Alto Molise.

Si preparano con trippette di agnello o di capretto lattante, pomodori pelati, pecorino grattugiato, salsiccia secca e sale.

Una volta pulite accuratamente le trippette raschiandole con la lama grossa di un coltello, si strofinano con sale grosso da cucina e si lavano in abbondante acqua calda corrente per poi tagliarle a pezzi quadrati piuttosto grossi.

Il ripieno di pomodori sfilettati, amalgamati con formaggio pecorino e salsiccia spellata e tritata, si dispone al centro dei quadrati di trippa che vengono chiusi legandoli con del filo bianco da cucina. Le mappatelle così ottenute sono cotte in un tegame di coccio con poca acqua e sale a fuoco lento utilizzando il solo grasso presente nella preparazione.

Miscischia di Guardialfiera P.A.T.

La Miscischia o M-SCISK è una tipica pietanza di Guardialfiera.

E' la carne, che così preparata si conservava per più giorni, che i pastori transumanti portavano con sè  insieme al pane secco.

La carne di pecora lavata e tagliata a pezzi è posta in un recipiente di legno chiamato “secchia” e lasciata a marinare per un giorno ed una notte in un bagno di vino ed  aceto insaporiti con aglio, molto peperoncino piccante, peperone in polvere e rosmarino, per poi essere cotta nel forno a legna ben caldo per circa due ore.